0

Conan the Barbarian # 1 riporta l’eroe barbaro all’interno della Casa delle idee, un ritorno su cui la casa editrice sembra puntare molto, visti i tanti annunci e gli sforzi fatti per mettere in mostra questo rilancio della creatura nata dalla mente dell’autore Robert E. Howard.

Conan è il simbolo della virilità, l’avatar degli amanti del genere Sword and sorcery, come tale prendere le redini di un progetto che tenti di riportare il personaggio ad un’identità mainstream è sicuramente un’impresa degna di nota. Ad accettare il compito di mostrarci il suo ritorno il team creativo composto dallo scrittore Jason Aaron e l’artista Mahmud Asrar.

Ovviamente questo numero ha il compito di introdurre i nuovi lettori nell’era hyboriana dove si svolgono le avventure del personaggio, prendendosi però spazio per iniziare a tessere le fila di una storia più amplia.
La trama ci si snoda su 3 piani temporali diversi, dalla nascita di Conan sul campo di battaglia alla sua consacrazione a Re di Aquilonia, passando a mostrarci una delle sue imprese in giovane età.
Uno stile che contraddistingue spesso i lavori di Aaron, che l’autore ha già usato in maniera efficace nelle sue run su Thor e che sta replicando anche nell’attuale gestione degli Avengers, un marchio di fabbrica con il quale riesce a catturare l’attenzione e la curiosità del lettore.

Conan the Barbarian #1 a

Il lavoro di Asrar sulla grafica è un ottimo punto di partenza, rispetto a quanto mostrato sui mutanti di X-Men: Red qui c’è maggiore solidità, figure statuarie e una composizione delle tavole che cerca di proporre momenti action iconici, rafforzati ulteriormente dalla sapiente scelta cromatica di questo albo.

La storia di questo Conan the Barbarian #1 offre esattamente quello che ci si poteva aspettare da un fumetto sul re cimmero, il che non è propriamente un difetto, ma nemmeno un vanto, questo primo assaggio lascia quindi un buon sapore in bocca ai fan di Conan, offrendo loro quello che cercavano, ma per questo motivo potrebbe presto stufare, il compito di Aaron sarà quindi quello di mettere in mostra tutto il suo talento alla scrittura per offrire nei prossimi numeri qualcosa di fresco, ma che non si allontani dalla tradizione.

Un acquisto quasi obbligato per tutti gli amanti del fumetto Sword and sorcery 

 

 

Marcello Portolan
Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD

Le autrici di Vedova Nera rivelano i cattivi della nuova miniserie

Previous article

Asterix compie 60 anni

Next article

You may also like

0 comments

  1. […] Conan the Barbarian # 1: le nostre opinioni […]

Comments are closed.

More in Comics