ComicsNews

Punisher: è stato chiesto alla Marvel di abbandonare il personaggio

0

Punisher è al centro di una polemica. È infatti stato chiesto alla Marvel di abbandonare il personaggio in seguito alla protesta per Donald Trump di questi giorni. Tra i dimostranti c’era infatti chi indossava il suo logo.

Punisher

Punisher è un personaggio della Marvel che è quasi sempre stato sotto la lente. Già in seguito alla sparatoria di Las Vegas del 2017 a opera di Stephen Paddock, alcuni insinuavano che Frank Castle fosse l’equivalente Marvel di un assassino di massa. O ancora, altri suggerivano che la Marvel dovrebbe fare causa alle forze dell’ordine per aver usato il famoso simbolo del teschio, così come diversi gruppi non autorizzati. Ora, c’è chi azzarda una misura ancora più estrema: sbarazzarsi completamente del personaggio.

In seguito agli eventi che si sono svolti al Campidoglio degli Stati Uniti a Washington D.C. in quella che è iniziata come una protesta dei sostenitori di Donald Trump, è stato inviato un tweet che suggerisce che la Marvel deve riappropiarsi con forza del proprio simbolo, oppure abbandonare il personaggio.

Molti sono convinti che Punisher sia un character troppo violento e pro armamenti. Che lo si ami o lo si odii, queste persone danno comunque l’idea di averlo completamente frainteso.

Sembra che anche Garth Ennis – che è stato a lungo scrittore di The Punisher – abbia detto la sua in merito, nel corso di una recente intervista.

Chi lo fa vuole solo indossare una maglietta con un simbolo che sembra spaventoso, atteggiarsi un po’ e poi tornare a casa dalla famiglia e riprendere la vita di tutti i giorni. Nessuno vuole veramente essere come lui. Nessuno vuole andare in guerra tre volte, di cui l’ultima andata malissimo, tornare a casa con la testa piena di vetro rotto, assistere all’uccisione della propria famiglia e poi dedicare il resto della vita alla carneficina, fredda e spietata.

Way of X: una nuova serie con Nightcrawler come protagonista

Previous article

I Sepolti Vivi: La recensione

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Comics