ComicsMade in ItalyRecensioni

Il cubo dei Mille mondi: La recensione

0

Luca Fiore, in arte LuFio debutta nel mondo del fumetto con Il cubo dei Mille mondi, un graphic novel di stampo fantasy pubblicato dalla casa editrice Bao Publishing. 

Alexander vive e lavora a Londra, si occupa di catalogare libri antichi e reperti archeologici ma fa fatica a integrarsi nella città. Un giorno, mentre sta maneggiando alcuni manufatti, viene misteriosamente proiettato in un altro mondo, Alazashea, dove dovrà mettere in discussione tutto ciò che pensava di conoscere.

Sostenuto dall’aiuto dell’intrepida Ellie che crede nelle sue capacità, in questa nuova realtà Alex scoprirà che fino a quel momento aveva dimenticato una vita intera e la sua stessa importanza in una lotta millenaria per salvare l’universo. Dovrà prendere coraggio per scoprire nuovi poteri, affrontare creature leggendarie e cambiare il destino del mondo a cui appartiene.

Luca dimostra sicuramente un grande amore e una grande passione per questo genere, costruendo un mondo abbastanza intrigante, con una storia basata su di un canovaccio classico, ma sempre sicuro come quello del viaggio dell’eroe, anche se sottotraccia i temi trattati sono molteplici.

Sicuramente quello che colpisce più di tutto in questo volume è la cura per la parte grafica, ricca di dettagli e riferimenti presi dalle più svariate culture e rimescolate e adattate per diventare elementi fantastici, in grado di catturare l’occhio del lettore.

Un debutto decisamente interessante per LuFio che con Il cubo dei Mille mondi ha come target quello dei giovani lettori, meglio ancora se amanti del fantastico e dell’avventura. Questi piccoli lettori sicuramente si ritroveranno in mano un prodotto che catturerà il loro interesse e divoreranno la lettura in pochissimo tempo, ma con abbastanza attenzione per cogliere la possibilità (e la speranza) che nelle ultime pagine si nasconda un piccolo incipit per un nuovo capitolo.

 

Marcello Portolan
Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD

Il mangaka Nomio Gyūnyū parla delle difficoltà legate al tema “loli”

Previous article

Salomé: La recensione dello spin-off di The Barbarian King

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Comics