News

Bandai si riconferma presenza fissa del Comicon

0
[themoneytizer id=20698-1]

Bandai, la nota azienda giapponese, è stata presente al Comicon per il quarto anno consecutivo.

Bandai

Lo stand Bandai ha preso il suo spazio presso l’Area Giochi del Festival.

Tutti i visitatori della manifestazione hanno avuto l’opportunità di trovare le ultime novità dedicate alle serie giapponesi più amate: Dragon Ball, My Hero Academia, One Piece, Lupin e Sailor Moon.

Oltre alle figures da collezione, c’era anche uno spazio dedicato ai gashapon, le famose palline contenenti personaggi degli anime,una tipicità giapponese di cui i partecipanti al Comicon possono approfittare.

Dal sito ufficiale del Comicon

Quest’anno la partecipazione di Bandai si fa ancora più incisiva con un importante incontro in programma giovedì 25 in Sala Andrea Pazienza 25 Gashapon Mania Show.

La partecipazione al Festival di Bandai è in partnership con Games Academy e Funside, catena di riferimento nel mercato comics & games con oltre 30 punti vendita sparsi in tutta Italia.

“Bandai è per i nostri negozi un partner di primaria importanza” dichiara Matteo Gatti, coordinatore della catena Games Academy, “affrontiamo con grande piacere insieme a loro questa nuova edizione del Festival e nei prossimi giorni annunceremo un evento che penso sarà molto apprezzato dai fan della cultura giapponese”.

Matteo Cavallaro, di Bandai Italia, dichiara: “I prodotti Bandai e Banpresto, grazie al prezioso lavoro svolto in questi anni dai negozi Games Academy e Funside, stanno riscuotendo un ottimo successo e la possibilità di raggiungere molte città in tutta Italia. Teniamo molto anche ai nostri prodotti gashapon, presenti con i distributori originali giapponesi in molti Games Academy e Funside!”.

Curiosità sulla Bandai

Fondata nel 1950 dal presidente Naoharu Yamashina, la Bandai si proponeva di conquistare il mercato producendo giocattoli poco costosi: produceva principalmente automobiline di latta, giochi di celluloide e salvagenti.

Al giorno d’oggi i prodotti dei primi anni di vita di questa azienda sono considerati pezzi da collezione.

[themoneytizer id=20698-23] [themoneytizer id=20698-16] [themoneytizer id=20698-28]

Unholy Grail: La recensione

Previous article

4 nuvolette con: Andrea Tridico

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in News