0

Qualche giorno fa la Marvel ha – finalmente – rilasciato il primo teaser della prossima pellicola Avengers 4: Endgame, una prima serie di interessantissime immagini che si concludono con l’arrivo nella base dei vendicatori di Scott Lang, considerato disperso.

Avengers 4 Endgame :Finalmente il trailer

Bene, noi di ComixIsland abbiamo avuto modo negli scorsi giorni di fare due chiacchiere con una delle persone che ha dato vita alla versione cartacea del secondo Ant-Man- Scott Lang– oltre ad aver disegnato il primo originale War Machine ovvero Bob Layton. L’autore, co-fondatore della Valiant Comics ci ha concesso la possibilità di fare quattro chiacchiere con lui.

Come hai scoperto la tua passione per i fumetti?

Ho imparato a leggere dai fumetti quando avevo solo quattro anni, dopo che mia sorella maggiore ha iniziato ad annoiarsi di leggere lo stesso fumetto per me una cinquantina di volte. Quel fumetto era uno Showcase con all’interno  The Challengers of the Unknown. Successivamente mi sono diplomato alla scuola superiore a soli 17 anni. Quando sono maturato, ho iniziato a comprendere il vero potenziale che il medium aveva e sono diventato ossessionato dal farne parte.

 Come ci si sente a sapere che uno dei personaggi che hai creato (Scott Lang) è diventato una star del cinema?

Quando io e David Michelinie cominciammo a lavorare alla Marvel Premiere # 47, Hank Pym era diventato un personaggio instabile e imprevedibile. Il nostro obiettivo era quello di umanizzare il personaggio di Ant-Man e renderlo unico nel pantheon dei personaggi Marvel. In questo caso, lo abbiamo reso un genitore single nella persona di Scott Lang.
Lo scrittore / regista originale del film di Ant-Man, Edgar Wright, mi ha detto che era la mia copertina della Marvel Premiere # 47 a ispirarlo a lanciare il concetto di film di Ant-Man ai Marvel Studios. Quindi penso che sia stato un contributo significativo, ovviamente. Dopo quelli di Marvel Premiere (n. 47 e n. 48), David e io decidemmo di rendere Scott un personaggio normale in Iron Man in modo da poter dare corpo al personaggio di Scott Lang al di là delle pagine di quel misero numero due di prova. Scott era il nostro eroe dei “colletti blu”. A differenza degli inventori miliardari come Reed Richards o Tony Stark, ha vissuto modestamente come padre single e questo è sempre l’aggancio che stai cercando come creatore. Cerchi sempre quella singola nota che distingue il tuo personaggio dal resto del pacchetto.
Avrei mai potuto immaginare che Scott Lang e Ant-Man sarebbero diventati un fenomeno cinematografico internazionale quarant’anni dopo?
Ovviamente no!
Ma credo che i Marvel Studios abbiano fatto un lavoro fantastico nel tradurre Scott Lang e il suo particolare mondo sul grande schermo con grande umorismo e pathos. Classificherei “Ant-Man” in cima alla lista dei successi dei Marvel Studios.

Nella tua carriera in Marvel hai lavorato su molti personaggi interessanti come ad esempio Ercole. Pensi che l’MCU sia pronto per lui?

assolutamente! Con film come “Guardians of the Galaxy” e “Thor: Ragnarok” ora fanno parte del lessico del MCU, credo che Herc, the Recorder e Skyppi the Skrull si adattino comodamente a queste linee narrative. Forse li vedremo nei film … un giorno. Mai dire mai.

Come pensi che sia cambiato il mercato dei fumetti? Secondo te, il cinema ha fatto bene o male per il settore?

 Penso che l’evoluzione cinematografica e televisiva nel mondo dei fumetti sia inevitabile. Sfortunatamente, c’è stata una disconnessione tra i milioni di fan del cinema e della TV e la diminuzione dei rendimenti dei rami editoriali del business. Nella bronze age e nella silver age  i fumetti erano a basso prezzo, scritti esclusivamente per un pubblico di massa e disponibili praticamente ovunque. Hanno servito da gateway per milioni di nuovi lettori,accompagnandoli nel genere del supereroe e della fantasia fantascientifica.
Oggi quel paradigma si è evoluto. Il cinema e la televisione hanno usurpato la porta che i libri a fumetti erano soliti usare, mentre il mercato è devoluto oltre la portata del consumatore medio del mercato di massa.
Le vendite di fumetti non sono mai state peggiori, mentre il genere dei supereroi non ha mai visto una popolarità così globale, grazie all’industria cinematografica e televisiva. Quindi, sì … il cinema ha fatto un buon lavoro perché mantiene vivo il nostro amato genere

In che direzione si muove il mondo dei fumetti secondo te?

Mi spiace dirlo, l’attuale modello di business per l’industria dei fumetti è insostenibile. Le aziende devono iniziare a pensare “fuori dagli schemi” ed esplorare la creazione di contenuti di intrattenimento accessibili in termini di prezzo e contenuto per un mercato di massa e in un formato che non deve essere racchiuso in plastica solo per sopravvivere nel tempo. I costi di produzione di un fumetto aumentano ogni anno e le vendite continuano a diminuire. Secondo un articolo pubblicato lo scorso anno sulle vendite di febbraio 2017: “- Oltre il 45% dei titoli Marvel ha venduto meno di 20.000 copie nel mercato nazionale statunitense, mentre alcuni di questi libri sono supportati per le negoziazioni, o beneficiano di accordi, per la maggior parte delle serie è la “zona pericolosa”. Tradizionalmente, se il tuo libro vende regolarmente meno di 20.000 copie, sei seriamente in pericolo di cancellazione “.
Un altro fattore da considerare è che le vendite attraverso i distributori Diamond Comic non sono restituibili ai rivenditori. Ciò significa che ci sono percentuali sconosciute di libri mensili che rimangono invenduti a livello di rivenditore, con possibilità che ammontano fino al 20% delle vendite complessive.
Le cose su un livello aziendale fondamentale devono cambiare.
Il modello europeo per i fumetti (edizione limitata deluxe, edizioni di grandi dimensioni con storie autonome) ha funzionato con successo per oltre 30 anni. Gli editori americani devono iniziare a esaminare in che modo altri paesi continuano a servire un mercato di massa.
I fumetti non moriranno mai … ma devono evolversi.

Quali sono i tuoi piani per il futuro?

Dodici anni fa, ho mangiato la foglia e ho lasciato l’industria del fumetto. Stavo cercando nuove sfide per me come creatore, quindi mi sono trasferito a Los Angeles e ho iniziato a lavorare nell’industria cinematografica di Hollywood dal 2007 al 2015. Due anni fa. Sono tornato a Tampa, in Florida, e ho formato la mia compagnia di produzione cinematografica qui. È mia intenzione contribuire a rendere la Florida una base di partenza per le principali produzioni cinematografiche e per aiutare a rivoluzionare il modo in cui i film indipendenti vengono prodotti e distribuiti. Scriverò e produrrò personalmente questi film. E grazie al mio team di gestione, credo fermamente che ciò possa essere ottenuto con lo stesso successo che ho avuto nel settore dei fumetti. Il piano è di distribuire un film scritto da Bob Layton per anno, una volta che saremo operativi.

Noi non possiamo che ringraziare Bob Layton per il tempo che ha voluto dedicarci e augurargli il meglio per la continuazione della sua carriera.

 

Marcello Portolan
Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD

Chi è Ronin, la nuova identità di Clint Barton nel MCU?

Previous article

Domino: Hotshots -in arrivo un nuovo team tutto al femminile

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Comics