ComicsRecensioni

Scurry Vol 1: La recensione

0

Una colonia di topi, in una casa abbandonata, lotta per sopravvivere a un lungo e strano inverno. Gli umani sono scomparsi e il sole si vede raramente. Quando le provviste iniziano a scarseggiare e i roditori sono costretti a cercare cibo lontano da casa, scopriranno che oltre le recinzioni si nasconde una minaccia peggiore dei gatti…

Oggi sull’isola di ComixIsland.it parliamo del primo volume ( di tre) di Scurry, fumetto edito per noi in Italia da Renoir Comics e nato dalla mente di Mac Smith

Un prodotto nato nel mondo dei Webcomic e che rappresenta una particolarissima commistione di generi, visto che l’autore stesso ha dichiarato che la storia è ispirata a prodotti come Brisby e il segreto di NIMH e Mad Max, passando da Babe va in città. Se sulla carta vi può sembrare un mix inusuale, beh vi diciamo che nonostante possa inizialmente sembrarlo, nel suo insieme questo survival postapocalittico ambientato nel mondo animale funziona e che l’affermazione di Smith rappresenta per bene il modello di quello che andrete a leggere.  Una lettura che scorre rapida e che sicuramente riuscirà a catturare i lettori a cui intrigano i mondi apocalittici e che qui troveranno qualcosa di leggermente diverso da quello a cui sono abituati, ma che rispetta quelli che sono i classici del genere, ma calando il tutto nel mondo dei nostri personaggi animali, tra topolini, gatti, lupi e case e boschi.

Buona la scelta di non raccontare – almeno per ora – ciò che è avvenuto agli uomini, il mistero sulla loro sorte aleggia tra le tavole e i dialoghi dei personaggi, ma non trova nessuna risposta in questo primo volume e forse potrebbe non trovare spazio nemmeno nei prossimi.

 

A colpire di questo primo volume di Scurry sono sicuramente i disegni, Mac Smith viene dal mondo dell’illustrazione e da quello del videogioco, il risultato è una serie di tavole estremamente realistiche per quanto riguarda ambienti e protagonisti, in grado di farci calare totalmente in quello che è questa strana fine del mondo.

Possiamo dire che sulla carta la trama dietro le quinte di Scurry non parte come la più originale, ma compensa con la sua buona verve creativa e la diversità dei suoi protagonisti, dando un gusto innovativo a questo genere ormai stra utilizzato, lasciandoci con molta curiosità su quello che avverrà nei prossimi 2 volumi

Marcello Portolan
Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD

In libreria dal 10 maggio la graphic novel LA FAME di Rolando Frascaro, Maurizio Cotrona e Federico Perrone

Previous article

In arrivo un nuovo pericolo mortale per SCARLET WITCH

Next article

You may also like

0 comments

  1. […] Scurry Vol 1: La recensione proviene da […]

Comments are closed.

More in Comics