ComicsRecensioni

In Principio – Storie crudeli della Bibbia: Ci si può divertire leggendo la Bibbia??

0

Piccola premessa, approcciarsi a questo tipo di materiale e uscirne totalmente puliti non è semplice, In Principio – Storie crudeli della Bibbia è infatti un’opera che raccoglie, adatta e rielabora avvenimenti fondamentali del testo sacro della religione cristiana.
Questi episodi sono stati inizialmente raccolti in due antologie separate, “Outrageous Tales From The Old Testament”, pubblicata nel 1987, e “Seven Deadly Sins”, mandata alle stampe nel 1989.

A insegnarci questi valori fondanti della Bibbia non troviamo però un gruppo di preti fumettisti, ma top player della nona arte come Gaiman, Moore, Gibbons, McKean e altri, che si alternano offrendo la loro schietta  e spesso graficamente graffiante visione di ciò che è stato scritto in questo testo religioso, giocando  volutamente sul filo della blasfemia e del grottesco .

Esteticamente, la sua natura antologica lascia spazio alla presenza di diversi stili grafici, passando di storia in storia da diversi tipi di gestione di balloon e griglia, fino ad arrivare al tratto più o meno realistico creando nell’insieme un bell’effetto.

Se non siete eccessivamente religiosi o bigotti questo volume di Kleiner Flug/DOUbLe SHOt sarà sicuramente una lettura divertente con la quale riguardare ad alcune delle storie della bibbia con un occhio maggiormente critico, ma senza prendersi troppo sul serio e rendendo questi racconti più divertenti da leggere .

 

Marcello Portolan
Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD

Domino Strays: Le eroine Marvel alla conquista delle librerie

Previous article

La taverna di mezzanotte 4: torna l’amatissimo manga di Yaro Abe in cui i piatti tipici giapponesi sprigionano ricordi

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Comics