MangaRecensioni

Le rose di Versailles – Lady Oscar Collection BOX: la recensione

0

Le rose di Versailles – Lady Oscar Collection BOX è probabilmente l’edizione definitiva del capolavoro ambientato nella Francia di fine Settecento firmato Riyoko Ikeda. Completa di pagine a colori e contenuti extra, la serie è composta da cinque tankobon che raccolgono l’intera saga, venduti sia singolarmente che in un cofanetto – al costo di 70 euro – all’interno del quale è contenuto anche un volumetto con i frontespizi originariamente apparsi su rivista e una simpatica paper doll da collezione. Il cofanetto è stato pubblicato nel mese di dicembre 2020 da JPOP Manga.Lady Oscar Collection Il box che contiene i cinque volumetti ha anche una forma particolare: le ante che lo chiudono, infatti, richiamano le cancellate della Reggia di Versailles, rendendolo un vero e proprio oggetto del desiderio.

Lady Oscar Collection raccoglie l’intera storia di un personaggio ormai entrato nella leggenda. Oscar François de Jarjayes è un’eroina conosciuta anche di chi non legge fumetti o non bazzica assiduamente il mondo dei manga giapponesi, tanta e tale è la sua fama. Una fama meritata, poiché al di là della ricostruzione storica perfetta, la Ikeda ha creato un character difficile da eguagliare, per la complessità di sfaccettature che lo caratterizzano: una donna forte e fragile al tempo stesso, che accoglie il suo destino con una fierezza che ha commosso migliaia di lettori nel mondo.

Oscar è cresciuta come un uomo ed è stata destinata alla vita militare dal padre che, stanco di non riuscire ad avere l’erede maschio, decide di educare come uomo l’ennesima bambina che sua moglie ha dato alla luce. Da un presupposto così sessista, scaturisce un futuro in un certo senso migliore per la protagonista, davanti alla quale si aprono possibilità infinite, all’epoca precluse al suo sesso. A fianco di Oscar, il sempre fedele André, pronto a consigliarla e a seguirla in capo al mondo, profondamente innamorato di lei nonostante la differenza di rango che, per nascita, li divide.

Altro personaggio fondamentale nel fumetto è la bella regina Maria Antonietta, alla quale – pur non negando i suoi errori – viene restituita la dignità di giovane donna che non ha saputo destreggiarsi al meglio nel tumultuoso incedere degli avvenimenti storici.

Chi ancora non ha letto questo incredibile manga, ha l’occasione di collezionarlo in un’edizione di pregio, che certo non scontenterà anche i fan di vecchia data.

Chainsaw Man 2: La recensione

Previous article

The Barbarian King: il terzo volume dal 10 febbraio in Libreria

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Manga