Focus

Boom dei videogiochi: eccone alcuni tratti da alcuni manga famosi

0

Chi non si ricorda di One Punch Man, ovvero uno dei più bei videogiochi realizzati a partire da un anime/manga: probabilmente è quello più famoso, ma in realtà, nonostante il comparto grafico e il fascino che porta con sé; forse è anche quello meno divertente. In fin dei conti, battere il boss finale con un unico colpo non è certo il massimo da questo punto di vista.

Il boom dell’industria del gaming su mobile

Eppure, nel corso del tempo, sono stati sempre di più i videogame sviluppate prendendo come ispirazione proprio dei fumetti piuttosto che dei cartoni animati giapponesi. Ad incidere su uno scenario simile anche il boom che ha coinvolto l’intera industria del gaming online che, come viene messo in ottima evidenza su un bell’articolo pubblicato su l’insider, sta facendo registrare dei dati davvero da record, eclissando addirittura il numero uno dell’intrattenimento, Hollywood. Cosa è cambiato rispetto al passato, dove i videogame erano considerati semplicemente una cosa “da nerd”? Il grande passo in avanti fatto da questa industria è legato alla proposizione di videogame che, al giorno d’oggi, sono in grado di raccontare quelle che si possono considerare storie a tutti gli effetti, caratterizzate da un gameplay correlato con esperienza che non implicano unicamente di superare vari livelli, ma richiedono un coinvolgimento attivo ed emotivo da parte dei vari utenti.

Chiaramente, un ruolo di primo piano in questa evoluzione ce l’hanno avuto anche i dispositivi mobili, su cui ormai si gioca sempre di più, così come ci sono sempre più utenti che scommettono sui casinò online direttamente da mobile. Una praticità che non ha eguali e che permette di divertirsi in modo semplice e rapido in qualunque luogo ci si trovi, con la possibilità di accedere alla piattaforma dove giocare semplicemente potendo contare su una connessione al web funzionante e veloce.

Titoli di stampo nipponico ricavati da manga: ecco alcuni esempi

Una serie di romanzi che ha preso il via nel 1986, denominata La Leggenda di Arslan, che è diventata poi un manga e pure un anime. Impossibile, quindi, non pensare di sviluppare anche un videogame, chiaramente facente parte del genere musou che, in poche parole, trae ispirazione dalla famosa serie giapponese Dynasty Warriors. Lo scopo di questo titolo è abbastanza facile, per alcuni versi forse anche un po’ banale, visto che bisogna andare continuamente all’esplorazione di nuovi campi di battaglia e abbattere tutti i nemici che prima o poi compaiono sullo schermo.

Un altro videogame interessante sviluppato ispirandosi ad un manga è Naruto Shippuden Ultimate Ninja Storm 4. È chiaro che, per gli amanti dei fumetti giapponesi, quando si parla di Naruto non c’è bisogno di fare molti convenevoli, dal momento che si tratta di uno dei titoli più noti e apprezzati di sempre. Ebbene, questo videogame permette di rivivere proprio tutte le più importanti e intense battaglie che hanno caratterizzato il manga. Un quarto capitolo, nonché primo realizzato appositamente per le console Xbox One e PlayStation 4, riesce a garantire un comparto grafico di prim’ordine, visto che ricorda tantissimo quello dell’anime vero e proprio.

Un altro videogame particolarmente diffuso è sicuramente rappresentato da Valkyria Chronicles Remastered. Il gioco originale, in realtà, venne lanciato nel lontano 2008 sulla console PS3, ma riuscì a far registrare un successo così importante, che sfociò nella realizzazione di un manga e pure di un anime. Un titolo che propone un sistema di battaglia veramente interessante e che offre la possibilità di vestire i panni di personaggi che hanno scritto la storia, affrontandosi in un comparto grafico notevole.

Marcello Portolan
Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD

Animosity Vol 5: La recensione

Previous article

Tunué presenta: PELLE DI MILLE BESTIE

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Focus