ComicsRecensioni

Black Hammer vol 2: La recensione

0

Continuiamo il nostro viaggio all’interno del mondo di Black Hammer, l’opera ideata da Jeff Lemire e pubblicata in Italia da Bao Publishing 

La storia riparte da dove si era interrotta nel primo volume, con la strana famiglia di super-eroi che incontra Lucy Weber, figlia di Black Hammer, che in qualche modo si è ritrovata nella loro cittadina.

Il suo arrivo porterà una certa instabilità all’interno del gruppo dei protagonisti, se nei primi sei capitoli la storia sembrava ambientata in una perfetta cittadina rurale, in questo nuovo volume l’occhio attento da giornalista di Lucy ci permetterà di vedere come alcune cose non vadano, come ci siano piccole crepe che lasciano intravedere un quadro più complesso di quello che sembra.

Ad alimentare questi dubbi ci penseranno anche i comportamenti di alcuni dei vecchi eroi, che sembrano nascondere qualcosa.

Anche in questo caso la narrazione alterna presente e passato, approfondendo le storie di tutti i protagonisti di questa strana lettera d’amore al mondo dei super – la trama è piena di riferimenti al mondo del comics americano di genere-  e permettendoci di conoscere la fine di Black Hammer, portando a una sorpresa finale

Ancora una volta Lemire di dimostra un ottimo costruttore, Black Hammer poggia molto del suo risultato sulla schiena di protagonisti ben caratterizzati e tridimensionali, eroi complessi e umani nelle loro sfaccettature, persone con cui il lettore può empatizzare e creare un legame lasciando la voglia di conoscere sempre di più della loro storia.
Forse è proprio questo lato a rendere Black Hammer un’opera così interessante

Dean Ormston questa volta è affiancato da David Rubin, il quale mostra uno stile decisamente diverso da quello del primo, molto più legato alla golden age del fumetto, ma che nell’insieme si dimostra altrettanto valido . Menzione d’onore ai colori di Dave Stewart , assolutamente perfetti

Sicuramente questo secondo volume conferma che siamo davanti a una storia di alto livello, ben realizzata e strutturata, una di quelle che gli appassionati del fumetto

 

 

Marcello Portolan
Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD

Donny Cates fa un regalo ai clienti di una fumetteria

Previous article

Edizioni Star Comics Presenta : Mao di Rumiko Takahashi

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Comics