ComicsNews

Avengers: No Road Home – gli sceneggiatori parlano della serie

0
Avengers: No Road Home
[themoneytizer id=20698-1]

Dopo aver direzionato la pulizia del mondo vendicativo durante l’evento No Surrender ( da noi Senza Tregua) il trio formato da Al Ewing, Jim Zub e Mark Waid è pronto a tornare per una nuova miniserie, sequel della precedente Avengers: No Road Home.

Un evento in cui farà il suo ritorno il personaggio cardine di No Surrender, Voyager, in un team che comprenderà Hulk, Ercole, Occhio di Falco, Spectrum, Visione, Scarlet e Rocket Raccoon uniti contro un nemico misterioso.

Queste le dichiarazioni dei tre riguardo a No Road Home:

Zub – Quando abbiamo costruito l’architettura di Senza Tregua, ero onestamente intimidito. Al e Mark hanno dato vita ad alcuni dei migliori albi della Marvel degli ultimi anni e non volevo essere l’anello debole della catena. Per fortuna, siamo andati parecchio d’accordo e le cose sono andate molto bene. Questa volta, il senso di camerateria è stato istantaneo. Sapevamo di cosa eravamo capaci ed eravamo a nostro agio nell’incorporare le idee degli altri nelle nostre, per trovare una storia di cui saremmo stati fieri.

Waid – La prima cosa che abbiamo deciso era che non avremmo ripetuto noi stessi. In Senza Tregua abbiamo raccontato la storia più gigantesca che potessimo immaginare, con il cast più ampio che potevamo gestire senza bruciare la sceneggiatura. Questa volta, abbiamo voluto scegliere un cattivo molto preciso e rendere la minaccia verso i personaggi un po’ più personale.

Ewing – Lavorare con Mark, Jim e il resto del team la prima volta è stato così divertente che la decisione di rifarlo è parsa, almeno a me, quasi inevitabile. L’idea immediata è stata quella di scegliere un percorso pressoché inverso, che significa una trama più contenuta e più mistica, rispetto alla grande epica cosmica del primo giro. Dopodiché, anche questa volta, le cose sono diventate più grosse ed ampie rispetto all’idea iniziate. La storia si è evoluta man mano, organicamente, come amo che succeda.

No Road Home

Anche lo chief editor della casa delle idee, C.B. Cebulski ha voluto lasciare il segno sul progetto, includendo nel gruppo un personaggio come Rocket Raccoon, che Zub ama scrivere, anche gli altri autori sono stati accontentati, come ad esempio Waid con Hawkeye e Ewing con i due “berseker” del team Ercole e Hulk

Ewing – Scrivere lo stesso personaggio horror che racconto in Immortal Hulk in un contesto super eroistico è stata una sfida interessante. Sta con il team, ma non fa esattamente parte del team. In generale, agisce per scopi piuttosto collaterali. Non a caso, tra tutti questi strani Avengers, considera Rocket Raccoon come il suo migliore amico, mentre il suo peggior nemico è Occhio di Falco, con cui scambierà qualche parola.

Zub – Abbiamo giurato segretezza. Posso solo dirvi che ci è stato concesso di riportare sulla scena alcuni personaggi che mancano da tempo. Quando Tom Brevoort ce lo ha permesso, pensavo stesse scherzando e sono rimasto di sasso nel realizzare che lo avremmo fatto davvero. Si tratta di qualcuno che ho decisamente a cuore e il fatto di poter contribuire a raccontarne le nuove storie è per me qualcosa di incredibile. Non vedo l’ora che tutti leggano quel che abbiamo progettato.

I principali avversari di No Road Home sono sostanzialmente nuovi, ma sono connessi a una porzione dell’Universo Marvel che conosciamo sin dagli anni Sessanta. Io ho sostanzialmente delineato i contorni principali dei nemici e del loro leader, dopodiché Al ha fatto delle folli ricerche per inserire una mitologia di background, mentre Mark ha dato una ripulita a tutti gli angoli.

Waid – Credo che il nemico principale di questa storia sia il più spaventoso che abbia avuto l’occasione di scrivere negli ultimi anni. E quando scoprirete cosa ci sia in ballo, nel caso in cui vincesse lui, anche voi avrete i brividi sulla schiena.

Zub – Il cast è certamente più ridotto, ma in qualche modo la prospettiva è più ampia che in Senza Tregua. Voyager ha visto in anticipo l’arrivo, o il ritorno, di un male terrificante e, prima che possa anche solo avvertire gli Avengers, un gruppo di esseri di grande potere lancia un attacco. I nostri eroi si troveranno tutti assieme per capire chi si nasconda dietro questa minaccia e come sventarla. La missione li porterà a visitare luoghi inaspettati e li metterà alla prova con la possibilità non peregrina che qualcuno non sopravviva.

Waid – Il cast è più selezionato in modo che la storia possa includere momenti più personali, ma state a vedere. Prima del finale ne accadranno delle belle.

Ewing – Vedremo dei luoghi dell’Universo Marvel familiari a lettori vecchi e nuovi, provenienti sia dalle epoche classiche che da quelle moderne. Uno in particolare vi farà esplodere la testa.

Leggi anche : ci sarà un buco nella run di Aaron

Ovviamente dietro a un team di sceneggiatori di questo livello ci vogliono disegnatori interessanti come in questo caso Sean Izaakse e Paco Medina ci sarà anche un omaggio implicito a Stan Lee

Waid – So che è una cosa surreale e so che suonerà uguale a tante altre dichiarazioni, ma vi giuro che ho scritto, del tutto per caso, la mia parte dell’ultimo numero appena prima di sentire della morte di Stan. Si tratta di scene pianificate molto tempo prima, ma hanno tutta un’altra eco evocativa, ora che Stan Lee ci ha lasciati.

[themoneytizer id=20698-23] [themoneytizer id=20698-16] [themoneytizer id=20698-28]
Marcello Portolan
Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD

Fumetti Timidi: La recensione

Previous article

Riverdale: In arrivo una spin- off a fumetti per la terza stagione TV

Next article

You may also like

0 comments

  1. […] Leggi anche: Avengers: No Road Home – gli sceneggiatori parlano della serie […]

Comments are closed.

More in Comics